Caricamento Eventi

« All Events

  • Questo evento è passato.

25 novembre 2021 - 27 novembre 2021

Dal 25 al 27 novembre 2021, l’Iglesias FestivalScienza, tappa satellite del Cagliari FestivalScienza, accoglierà nuovamente i partecipanti per questa V edizione, in presenza e completamente gratuita.

La partecipazione a tutte le attività in programma sarà consentita previa prenotazione contattando l’indirizzo info@scienceiscool.it o telefonicamente al numero +39 0781 1836191

 

Giovedì 25, ore 09:00-10:00, “Giochi da tavola… periodica – il puzzle dei critical raw materials” a cura di Paolo Dambruoso.
Conferenza in presenza.

Scienza, economia, conflitti, azzardo, bluff e strategia sono tutti ingredienti di una serie di vicende giocate sullo scacchiere mondiale, e sulla tavola periodica. Affronteremo il tema dei risvolti geopolitici legati al mondo delle materie prime, e seguiremo un approccio sequenziale. Proprio come nel gioco del puzzle, dapprima metteremo sul tavolo tutte le tessere gettandole lì senza ordine né logica apparente, poi le rimetteremo insieme, trasformando uno scenario confuso ed incoerente, in un quadro d’insieme ordinato ed interpretabile. Scopriremo come una parola di troppo a Washington, ed una frase non detta in Cina minaccino il buio nel resto del mondo, e come la possibilità di controllare lo stato della nostra salute dipenda da un giacimento di gas naturale in Algeria o Qatar.

 

Giovedì 25, ore 10:30-11:30, “Farfalle Fotoniche!” a cura di Davide Comoretto.
Conferenza in presenza.

L’origine del colore degli oggetti che ci circondano può dipendere non solo dalla presenza al loro interno di pigmenti o coloranti ma anche dall’esistenza di strutture ordinate e periodiche su scala sub- micrometrica che inducono straordinari effetti ottici.
Dopo aver analizzato il colore nei pigmenti, coloranti o nelle pietre preziose, prendendo spunto dalle strutture responsabili della colorazione di alcune farfalle, dei camaleonti o degli opali, si mostreranno le proprietà dei colori strutturali e le prospettive offerte da tali strutture non solo nei campi della fotonica High-Tech quali i sistemi anticontraffazione, i sensori, i laser e i sistemi fotovoltaici costruiti con materiali plastici, flessibili ed avvolgibili, ma anche nel campo alimentare come nel caso del l golosissimo cioccolato fotonico.

 

Giovedì 25, ore 17:00-18:00, “Cin-Cin a colori” a cura di Davide Comoretto.
Aperitivo scientifico in presenza.

Molte bevande che ci accompagnano nella vita di tutti i giorni sono colorate e trasparenti, altre sono colorate ma diffondono la luce perdendo la trasparenza. Altre ancora sono semplicemente trasparenti. Quelle colorate possono anche essere fluorescenti, cioè emettere luce quando stimolate opportunamente. Tra un bicchiere e l’altro discuteremo e misureremo la risposta ottica e di fluorescenza di alcune bevande e la legheremo alle proprietà delle molecole o pigmenti responsabili del colore. Scopriremo che anche le sostanze trasparenti assorbono la luce. Vedremo come tali proprietà abbiano ripercussioni inattese nella vita di tutti i giorni o nell’alta tecnologia.

———–

Venerdì 26, ore 09:00-11:00, “Dipingere con la luce” a cura di Felicita Russo.
Laboratorio in presenza.

Durante il laboratorio verrà fatta una breve presentazione sulla storia del lightpainting e l’uso della luce per seguire il movimento. Verranno inoltre illustrati alcuni strumenti tipici di questa tecnica fotografica: pennelli di fibra ottica, tubi, lame di plexiglass e strisce led.
I partecipanti potranno essere coinvolti facendo sia da modelli che da “pittori”.

 

Venerdì 26, ore 10:30-11:30, “Missione Agenti Pulenti, Proteggiamo i monumenti – Conoscere per rispettare” a cura di Emilio Mello.
Conferenza in presenza.

Senza la conoscenza, storica, ma anche materica dei monumenti, vere e proprie testimonianze materiali della nostra storia e della nostra cultura, è difficile comprendere appieno “il valore” di questi manufatti che sono presenti in ogni comunità, dai grandi centri cittadini sino ai piccoli paesi.
Solo con la comprensione della natura e delle caratteristiche dei materiali che li costituiscono ci si rende conto che anche essi vanno incontro nel tempo ad alterazioni che ne provocano un più o meno veloce perdita di coesione e di leggibilità.
Alle cause di degrado naturali, spesso inevitabili, si sommano, rafforzandole, le cosiddette cause antropiche sulle quali ciascuno di noi può e deve intervenire per contribuire a preservare la nostra storia.

 

Venerdì 26, ore 17:00-18:00, “Solarpunk: dalla disperazione alla strategia” a cura di Francesco Verso.
Conferenza in presenza.

Il Solarpunk è un movimento letterario-speculativo rivolto alla pratica politica e alla sperimentazione di tecnologie alternative; cerca di fondere soluzioni ecologicamente sostenibili con tecnologie avanzate quali la stampa 3D, i Big Data, l’I.A., la biotecnologia e le protesi artificiali, per affrontare le sfide poste all’umanità dall’Antropocene, dal Capitalocene e dalla biopolitica. Con origini nella Science Fiction e nell’ambientalismo, il Solarpunk promuove infrastrutture decentralizzate, sostenibilità ambientale, inclusività radicale, coinvolgimento dal basso e un atteggiamento fai-da-te. Francesco Verso, autore ed editor di fantascienza, ha pubblicato il primo romanzo Solarpunk italiano ed europeo, dal titolo “I camminatori” e ha portato in Italia alcuni degli autori più rappresentativi del genere attraverso le antologie internazionali “Solarpunk: Come ho imparato ad amare il futuro” e “Solarpunk: Dalla disperazione alla strategia”.

———–

Sabato 27, ore 09:00-10:00, “Ottima è l’acqua: Primo Levi scrittore di fantascienza” a cura di Francesco Cassata.
Conferenza online.

Cinquant’anni fa, nel 1971, Primo Levi pubblicava con Einaudi un’antologia di racconti fantascientifici dal titolo Vizio di forma. Nelle intenzioni di Levi il libro avrebbe dovuto intitolarsi Ottima è l’acqua, come il racconto ecologico e distopico posto in chiusura. I critici letterari dell’epoca accolsero tiepidamente il libro, leggendovi null’altro che l’atto d’accusa dell’ex-deportato contro il “nuovo sterminio dell’era tecnologica” o, per contro, rimproverando a Levi di non esser stato sufficientemente apocalittico e di aver conservato una qualche fiducia nella ragione. In realtà la fantascienza di Levi – al centro di questo incontro – era altro. Era il tentativo, etico e letterario al tempo stesso, di costruire un ponte: tra le cosiddette “due culture”, quella scientifica e quella umanistica, ma anche tra la realtà di Auschwitz e le “smagliature” – i “vizi di forma”, appunto – della razionalità contemporanea.

 

Sabato 27, ore 10:30-11:30, “Il sogno di Democrito. L’atomo dall’antichità alla meccanica quantistica” a cura di Giorgio Chinnici.
Conferenza in presenza.

A partire dall’alba del pensiero umano l’interrogarsi sull’essenza del mondo è stato il motore del progresso, intellettuale e materiale. Le riflessioni dei filosofi antichi hanno spianato la strada all’avvento della scienza e alla sua evoluzione, fino a che il viaggio alla ricerca dell’atomo ha condotto a quella grande rivoluzione concettuale ed epocale cambiamento di paradigma che è la meccanica quantistica.
Vuoto e materia, continuo e discreto, parte e tutto, onda e particella, caso e necessità, realtà e località. La conferenza vuole offrire uno spunto su come il percorso compiuto dalla scienza sia intessuto di questi e altri profondi temi filosofici, temi di cui la scienza si nutre e a cui conferisce una luce nuova.

Dettagli

Inizio:
25 novembre 2021
Fine:
27 novembre 2021
Categoria Evento:
Tag Evento:

Luogo

Iglesias
Iglesias, Italia + Google Maps